Happy Instant - Noleggio Polaroid
         
     
SX-70 Land Film
Introdotta nel 1972, questa serie di pellicole è stata la prima di tipo "integrale", ovvero la prima ad avere il tipico formato "con finestra" che rese popolare la Polaroid® negli anni settanta ed ottanta.

A differenza dei formati precedenti, che prevedevano la divisione manuale delle due parti che componevano la foto (carta e negativo), questa pellicola non necessitava di alcun intervento da parte dell'utilizzatore in quanto la particolare costruzione mantiene al suo interno le sostanze chimiche necessarie allo sviluppo anche dopo che questo è terminato.

In pratica la "pellicola" è costituita da un involucro rettangolare di materiale plastico, una vera e propria bustina chiusa ermeticamente su tutti i lati e con una finestra trasparente dietro cui è posizionato lo strato fotosensibile di ricezione dell'immagine (positivo) che viene impressionato durante lo scatto. Sotto di esso sono posizionati tre diversi strati di emulsioni fotografiche sensibili al blu, al verde ed al rosso alternati da altri tre strati di coloranti rivelatori gialli, magenta e cyan.
La parte inferiore, quella con il lato più alto, contiene invece il reagente che viene attivato al momento della fuoriuscita della foto.
Dopo l'esposizione la pellicola viene infatti espulsa meccanicamente dal corpo macchina attraverso due speciali rulli che provvedono a distribuire uniformemente la sostanza alcalina che dissolve i coloranti rivelatori; questi agiscono ciascuno sullo strato di emulsione sovrastante arrivando, nelle zone non esposte, fino allo strato di ricezione immagine.
Nel reagente è contenuto anche un prodotto opacizzante che "fissa" il fotogramma e lo protegge da ulteriori esposizioni.

Un'altra novità era costituita dal fatto che le batterie necessarie ad alimentare il funzionamento dei corpi macchina erano incluse nella stessa confezione di pellicole.
Queste semplificazioni contribuirono considerevolmente al successo commerciale della pellicola e delle macchine che la utilizzavano, consacrando il marchio Polaroid® vera e propria icona della fotografia istantanea.

La prima versione, già migliorata intorno alla metà degli anni settanta, fu sostituita nel 1980 dalla più avanzata "SX-70 Time-Zero Supercolor", pellicola dai colori più intensi e luminosi e dallo sviluppo molto più veloce (da qui la sigla "Time-Zero" nel nome).
Furono inoltre prodotte due serie destinate al mercato professionale: le 778 e le 708.
immagine dimensioni sx-70 e 600 land film
La Polaroid® ha dismesso la produzione di questa pellicola nel 2006.

Nel marzo 2010 l'Impossible Project ha iniziato la commercializzione della sua produzione di SX-70.
Inizialmente disponibili solo in versione monocromatica, sono oggi in vendita pacchetti di pellicole a colori che necessitano però di alcuni accorgimenti di utilizzo, in quanto luce e temperatura nei primi minuti di sviluppo possono influenzare in parte il risultato finale.
 
600 Land Film
Nel 1981 Polaroid® mise sul mercato un'evoluzione del "sistema SX-70": una pellicola dello stesso formato e basata sullo stesso sistema di sviluppo, ma dalla maggiore sensibilità.
Il nuovo prodotto si chiamava 600 Land, riprendendo il valore ISO del materiale fotosensibile.

Questa è stata probabilmente la serie di pellicole con il maggior successo commerciale della compagnia fondata da Edwin Land, grazie anche alle numerose versioni di macchine prodotte per utilizzarla, quasi tutte dotate di flash integrato.
Ne furono prodotte diverse varianti: a colori ed in bianco e nero, per usi amatoriali e professionali, dai bordi colorati o con personaggi di giochi e cartoni animati, come le serie Barbie® e Looney Tunes®.


La Polaroid® ne ha terminato la produzione nel 2008.

Dopo mesi di lavoro e sperimentazioni, il 5 maggio 2011 l'Impossible Project ha messo in commercio la sua prima produzione di pellicole a colori per la serie 600, ponendo fine alla lunga attesa degli appassionati di tutto il mondo.
 
Spectra Film
Nel 1986 Polaroid® lanciò una nuova pellicola integrale dalla sensibilità di 600 ISO e dal formato più largo delle due precedenti.
Il nuovo prodotto venne battezzato con il nome di Spectra Film per il mercato statunitense e Image Film per il resto del mondo.

Questo formato e le nuove fotocamera introdotte per utilizzarlo, prima fra tutte la Spectra System, erano destinati al mercato consumer di fascia alta oltre che a quello professionale.
Alla serie standard furono affiancate versioni di pellicola ad alta definizione, addirittura lo Spectra High Definition Grid Film, pensato per scopi scientifici ed industriali, riportava una griglia per la misurazione e la comparazione degli oggetti fotografati.


Come per la 600 Land, la Polaroid® ne ha terminato la produzione nel 2008.
immagine dimensioni spectra film

Attualmente l'Impossible Project produce per questo formato una linea di pellicole a colori ed una in bianco e nero.
 
Licenza Creative Commons
Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.